Carta stampata contro Internet: Apparenza o Sostanza ?

La contrapposizione delle “zone morte” e delle zone vive trova spazio in numerosi siti internet.
Cosa e’ una zona morta? E’ un area nel sito dove non c’e’ niente da fare.
E dove e’ che non c’e’ niente da fare?  Pensa ad una bella immagine grande, un lungo testo che spiega quello che fai o quello che possono fare i tuoi clienti.

Ma i vostri clienti non vogliono spiegazioni su quello che possono fare: lo vogliono fare e basta

Le zone vive o attive, sono l’ opposto, sono aree dove i tuoi clienti possono fare, decidere, muoversi verso o attraverso esso. Sono link, dei moduli informazioni, commenti, interazioni.

Questo semplicemente perche’ il web e’: Azione e Interazione

Se le uniche cose che vogliamo dal web e’ guardare delle foto e leggere del testo, allora non abbiamo bisogno di internet: abbiamo i giornali, le riviste i quotidiani dove i testi e le immagini sono rese in modo ottimale e leggibile.

Per anni abbiamo utilizzato schermi piccoli e basse risoluzioni, perche’ il web ci dava qualche cosa in piu’: il poter Fare, Agire.

E adesso? lo continuamo a fare sugli schermi piccoli dei nostri Smartphones, quando invece possiamo leggere una bella rivista. Perche questo? Perche’ possiamo “fare”, possiamo interagire, cliccare, spostarci dove vogliamo e quando vogliamo.

La cultura della stampa e’ profondamente radicata in noi, in modo tale che influenza il nostro pensiero grafico/visuale, che permane e si trasmette in molti design dei siti internet.

Quello che non dicono e’ che la stampa e’ la filosofia del controllo.

Le aziende vogliono controllare la propria immagine, i loro messaggi.

Presentano se stesse al mondo attraverso l’ home page che e’ bellissima, Vogliono enfatizzare se  stessi e il marchio attraverso dei segni visivi.

Sono rimasti al concetto di una audience passiva che aspetta i loro messaggi

Siamo quindi rimasti con una cultura radicata della stampa insieme ad una cultura azienda-centrica perche’ la stampa da’ molto piu’ controllo sul messaggio di quello che il web permette.

Siamo rimasti ad un periodo dove i marchi erano tutto, i clienti erano fidelizzati e le organizzazioni controllabili.

Un periodo dove i clienti seguivano qualunque cosa che guidava il loro simbolo/marchio.

Questa periodo e’ storia.

poco tempo fa’ parlavo con un designer, gli ho chiesto:

D “Scusa perche’ il colore del testo del tuo sito e’ grigio chiaro ?”

R “Perche’ lo completa, riempie gli spazi ed e’ stiloso”

D “perche’ non hai usato il nero al posto del grigio?”

R “Perche’ il nero e’ brutto”.

La leggibilita’ del testo e’ passata in secondo piano rispetto all’ estetica del testo !

Il web design vero, puro e’ quello che fa Google, Amazon, twitter e facebook: mettere al centro dell’ attenzione il cliente.

Aiuta il tuo cliente a fare quello che vuole quando vuole.

Poni il tuo Cliente al centro della tua comunicazione, la tecnologia digitale e’ il mezzo per comunicare bene con i tuoi clienti.

 


Liberamente ispirato e tradotto da un articolo di Gerry McGovern, http://www.gerrymcgovern.com/new-thinking/print-view-web-do – Image Credits: https://www.flickr.com/photos/azoome/3169721937

Daniele Noris

Daniele Noris

Specialista in Strategie di presenza online per Aziende che applica con Passione. Nel tempo libero, Amante dell' Europa che documenta in immagini, tra cultura, spazi, paesaggi e piatti tipici.
Daniele Noris